RACCONTI EROTICI GAY STORIE VERE

STORIA SEGRETA FRA UN PROF UNIVERSITARIO E UNO STUDENTE MOLTO ALTO

Oggi vi propongo una storia segreta da un nostro utente, che non ha nulla in meno dei racconti erotici gay. L’utente si chiama Stefano, professore universitario omosessuale patito dei racconti erotici amatoriali, e si è ritrovato a viverli nella vita vera quando il suo studente ventiquattrenne, nel suo ufficio, gli ha ordinato di leccargli i piedi.

un professore universitario e i suoi racconti erotici gay , due uomini nei racconti erotici amatoriali piedi e anale
Portrait of a happy gay couple outdoors

” Pubblica senza nome, mi chiamo S. e sono un professore universitario di 40 anni. Ho una moglie e tre figli, e sono sempre stato fedele. Leggo online racconti erotici gay, racconti erotici piedi ed anale, ma è sempre rimasta una fantasia, anche perchè sono sposato. Qualche giorno fa un mio studente è venuto in ufficio per discutere della possibilità di fare una tesi con me, e prima che si sedesse alla sedia, ho notato che è molto molto alto, sicuramente più di me che sono solo uno e cinquantacinque. .All’inizio abbiamo parlato solo di università, poi mi ha chiesto se sono sposato, e io con sorpresa ho risposto di si.

SPOSATO MA FAN DEI RACCONTI EROTICI GAY PIEDI, STRANO O CORRETTO?

Da lì è degenerato tutto, e mi sono sentito dentro uno dei racconti erotici gay che leggo sempre. Mi ha detto che gli piace il fatto che sono il suo prof ma è alto quasi cinquanta centimetri più di me, e lì non ho saputo come rispondere. Mi ha detto di alzarmi in piedi e io ho obbedito come uno stupido, e si è messo vicino a me e mi ha fatto notare ridendo che non gli arrivo manco al petto. Io ho detto di finirla, ma lui mi ha ordinato di leccargli i piedi, e non so nemmeno perchè io l’ho fatto. Porta il 51 di scarpe, e la cosa mi eccitava tantissimo, mi sentivo lo schiavo di uno dei racconti erotici piedi che si trovano online. Puzzavano ma glieli ho leccati tutti, e lui rideva di me. Dopo ha detto che sono stato bravo, e se n’è andato. Io mi sono sentito umiliato, ma mi sono masturbato 3 volte quel giorno pensando a lui. La sera stessa mi ha scritto per email, e mi ha detto che sarebbe tornato fra qualche giorno, io non voglio tradire mia moglie ma ci penso in continuazione, non vedo l’ora che mi metta sotto i suoi piedi. Cosa devo fare?”

Io mi sento di suggerirti di goderti l’esperienza, i racconti erotici piedi e anale sono belli, ma sempre meglio poi applicare le cose dal vivo se si può!

Voi cosa ne pensate? Dovrebbe divorziare o semplicemente smetterla con le esperienze e i racconti erotici bisex it?

Faccelo sapere con un commento!

Leggi subito su amazon una storia erotica gay torrida e sexy

Leggi L’Erede dell’Elk racconto erotico gay fantasy qui sul blog

Leggi IMPROVVISAMENTE BISESSUALE, racconto erotico bisex piedi

Rispondi